Ilportico | Segni dei nostri tempi | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Ilportico
Per una critica quasi apocalittica dei costumi
CULTURA
26 ottobre 2007
Pescatori contro miliardari
Ho letto un post di  "Polemicamente scorretto" che riporta un articolo di Massimo Fini su Michael Forbes, un pescatore di salmoni della costa della Scozia.
La notizia è che Donald Trump, il miliardario americano ha  deciso di costruire un lussuosissimo albergo con annesso campo di golf in una località della costa scozzese e per fare ciò ha tentato con le buone e con le cattive di farsi cedere da Michael Forbes la proprietà di alcuni ettari di terreno che tagliavano proprio nel mezzo il progettato campo di golf.  A nulla però sono valse le lautissime offerte di denaro da parte del miliardario di fronte all'attaccamento di Michael Forbes per la propria terra. Il denaro quindi non compra tutto! Immagino lo sconcerto  di uno come Donald Trump proveniente da un paese in cui una delle prime  domande che si usa fare a una persona appena conosciuta è "Quanto guadagni?".
Questo ci spinge ad alcune considerazioni .
I nostri contadini e i nostri pescatori vivevano in una pienezza di senso che noi non riusciamo minimamente a immaginare.
L'amore carnale per la terra, il senso del limite connesso alla coscienza della esauribilità delle risorse ( la terra messa a maggese),  il senso di continuità e la preoccuppazione per i posteri ( gli alberi piantati), l'accordo dei ritmi del lavoro con i cicli stagionali, la dimestichezza con gli aspetti più  naturali dell'esistenza (vita, morte, dolore) , la cerchia degli amici e degli affetti, la cura per le piante e per gli animali nascituri permeavano la loro vità quotidiana di una forte spiritualità.
Non avevano bisogno nè di droga nè di vacanze.
Una vitaccia? Forse  sì ma sicuramente preferibile a quella di un co.co.co. o anche a quella di un agente di borsa.

"Il taglialegna americano non si interessa a nulla . Ogni idea di sensibilità gli è remota.
Quei rami così elegantemente gettati dalla natura, un buon fogliame, un colore vivido che anima una parte del bosco, un verde più forte che ne incupisce un'altra, tutto questo è niente.
Egli non ha ricordi da disporre in alcun luogo. Sua unica idea è la quantità di colpi d'ascia che servono per abbattere un albero. Egli non ha piantato, non conosce quei piaceri.
L'albero che potrebbbe piantare non vale nulla per lui, perchè non lo vedrà mai abbastanza cresciuto per poterlo abbattere: ed è il distruggere che lo fa vivere. Si distrugge ovunque:perciò ogni luogo gli va bene.
Egli non tiene al campo dove ha messo il suo lavoro, perchè il suo lavoro è soltanto fatica e nessuna idea di dolcezza vi si mescola. Ciò che esce dalle sue mani non passa da tutte quelle fasi della crescita che tanto inteneriscono il coltivatore. Egli non segue il destino dei suoi prodotti.
Non conosce il piacere dei nuovi tentativi . E se, nell'andarsene, non dimentica la sua ascia, non abbandona rimpianti dove ha vissuto per anni".
(Dalle memorie di Talleyrand riportate in "La rovina di Kasch" di Roberto Calasso", edizione Bompiani, pag.105).

Queste riflessioni di Talleyrand sul carattere degli americani hanno qualcosa di profetico.
Ma ormai siamo tutti americani!



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. spiritualità contadini michael forbes

permalink | inviato da oblomov69 il 26/10/2007 alle 22:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa
CULTURA
4 ottobre 2007
La cultura taglia il lato della mano
Possedere una buona cultura umanistica  quando si vive in un ambiente di profondo degrado civile, antropologico e ambientale è nel migliore dei casi un'arma a doppio taglio. Se poi non la si usa per incidere su questa realtà è un'arma che taglia soltanto la mano di colui che la impugna e tanto più profondamente quanto più è smussata la lama dalla parte della punta.
Se non si riesce a calarla nella propria vita professionale è già in parte frustrante ma se non si ha il coraggio di adoperarla come strumento di critica dell'esistente essa diventa un inutile peso.
Questo perchè la conoscenza della storia ci fa apparire il presente non come una fatalità ma come qualcosa che è tale per una serie di cause e che potrebbe quindi essere cambiato agendo su queste cause. La letteratura ci fa immaginare modi di vivere diversi, spiritualmente più profondi, ci rende sensibili al valore della bellezza  e ci fa temere per la sua vulnerabilità( ad esempio quella di un paesaggio minacciato da costruzioni abusive).
Una volta esisteva la cultura impegnata. Essa talvolta  si lasciava metter in riga  in riga dai segretari di partito ma in alcuni casi era autentica cultura.
C'è una scena del film "Mio fratello è figlio unico" in cui il fratello del protagonista, un leader sindacale o di partito presenta una esecuzione della Nona di Beethoven da parte di un gruppo di musicisti del conservatorio in sciopero. Egli dice  - se ricordo bene  - che l'arte senza la politica è masturbazione e la politica senza arte è retorica. Al momento in cui il coro canta l'Inno alla Gioia le parole in tedesco vengono sostituite con i nomi dei protagonisti  storici del comunismo. L'effetto è terribilmente ridicolo. Tuttavia le parole che il leader politico dice  prima dell'inizio dell' esecuzione se non le si intende come una teorizzazione dell' asservimento della cultura alla politica hanno un fondo di verità che oggi dovrebbe farci riflettere.
Oggi invece la cultura oscilla tra status symbol e gingillo autoconsolatorio e ha come corrispettivo il degrado mediatico ( a sua volta propiziato da intelllettuali: registi di programmi, esperti di comunicazione di massa, ecc.).
Insomma da una parte abbiamo Ghezzi verso le due di notte che in un linguaggio incomprensibile ci presenta dei bei film e dall'altra i Grandi fratelli, le Marie di Filippo per tutta la giornata.
Non c'è più un arte che sia al contempo colta e popolare. Chi si ricorda più della televisione di Gassman, degli sceneggiati tipo "Fratelli Karamazov" , della musica di Mina?
Oggi impera l'auditel ma esso è una finzione.
Nel paginone centrale di molti quotidiani  tipo La Repubblica c'è la cosidetta Cultura, un insieme di articoli la cui lettura è raccomandabile per conciliare la digestione su di una poltrona.
Si salva solo il Manifesto che anche quando parla di letteratura cerca di collocarla in un contesto sociale e storico e collegarla alla vita concreta.
Come dicevo la cultura non usata taglia soltanto mano di chi la impugna. Per chi vive circondato dal degrado  é uno stato di  veggenza insopportabile.
Non si può leggere Proust se sotto al balcone senti urla beluine,  musicaccia proveniente da sterei tenuti ad alto volume, sgommate di autisti che credono di essere al circuito di Montecarlo, insulti, minacce, litigi tra delinquentelli in erba. Ma - aggiungerei - non si può leggere Proust con buona coscienza se non si cerca nel proprio piccolo di combattere il degrado.
Si percepisce troppo acutamente il distacco tra il l'essere e il dover essere( per esprimermi  filosoficamente) proprio perchè non si fa  nulla per colmarlo. E questo è pericoloso, genera isolamento, ricerca spasmodica di evasione,  quello che gli psichiatri con termine freddo e tecnico chiamano dissociazione, forse anche follia...


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. società cultura mass media

permalink | inviato da oblomov69 il 4/10/2007 alle 18:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Il mio parere e un invito al confronto sui segni dei nostri tempi